Views
1 year ago

f+h intralogistica 2/2015 (IT)

  • Text
  • Sistema
  • Sistemi
  • Intralogistica
  • Essere
  • Produzione
  • Vengono
  • Magazzino
  • Logistica
  • Prodotti
  • Carrelli
f+h intralogistica 2/2015 (IT)

CARRELLI INDUSTRIALI I

CARRELLI INDUSTRIALI I TEST PER CARRELLI ELEVATORI Il carrello elevatore elettrico E25 di Linde con il nuovo sistema di assistenza alla guida nel test pratico Il carrello elevatore elettrico a quattro ruote Linde E25 grazie a diversi miglioramenti si dice consumi meno energia. Inoltre dalla primavera 2014 è a disposizione il sistema di assistenza Linde Safety Pilot, di cui è dotato anche il nostro carrello elevatore di prova. Il test dovrà rivelare in che modo il sistema influisca sul lavoro con il carrello elevatore. Fonte: Andersom Testing/f+h I risultati del test in breve Produttore/tipo Linde/E25 Modalità di marcia Performance Modalità di marcia Efficiency Modalità di marcia Economy Velocità di marcia con carico di 1.600 kg in km/h Accelerazione oltre 27 m al s Velocità di sollevamento con carico di 1.600 kg [cm/s] Movimentazione pallet in 8 ore Consumo di prova [kWh] 18 7,5 51,48 326 7,51 (18,4 kWh/100 pallet) 17,7 8,5 51,48 317 6,59 (16,6 kWh/100 pallet) 15,21 9,3 51,48 313 6,20 (15,8 kWh/100 pallet) 1) 16,5 8,48 46,57 317 8,04 (20,3 kWh/100 pallet) 1) Valori medi dei carrelli elevatori finora da noi testati in questo segmento 20 f+h Intralogistica

TEST PER CARRELLI ELEVATORI I CARRELLI INDUSTRIALI All‘incirca tre anni fa abbiamo testato il carrello elevatore elettrico a quattro ruote E25 della Linde, che nel frattempo ha subito qualche modifica. Ciò e la possibilità di equipaggiare opzionalmente il nuovo E25 con il sistema di assistenza alla guida Linde Safety Pilot sono stati per noi motivi sufficienti per esaminare l‘interazione tra carrello elevatore e il sistema di assistenza. Così come nel 2011, il nostro apparecchio di prova attuale è l’esecuzione corta e bassa dell’E25. Questa variante dispone di un baricentro di carico di 500 mm e è adatta per batterie di fino a max. 500 Ah. Per batterie fino a 775 Ah esistono anche varianti più lunghe e più alte dell’E25, con un baricentro di carico di 600 mm. Anche se i carrelli elevatori di prova di allora e di oggi presentano telai delle stesse dimensioni, le differenze restano notevoli. Invece del montante Triplex con altezza di sollevamento di 4.700 mm, l’apparecchio di prova attuale è equipaggiato con un montante Duplex (altezza di sollevamento: 4.530 mm) senza alzata libera, che offre all’operatore una visibilità panoramica ampliata di 70 mm (Fig. 01). Per quanto riguarda la direzione di marcia, questa non viene più impostata tramite una leva, ma con un sistema a due pedali. Le gomme antitraccia beige hanno dovuto lasciare il passo a gomme SC15 nere – entrambi i tipi di gomme sono di Continental e sono delle stesse dimensioni. Inoltre il carrello elevatore di prova attuale presenta una cabina completamente in acciaio. A causa del peso complessivo maggiore del carrello elevatore dovuto all’esecuzione della cabina e a causa del fatto che gomme antitraccia ottengono regolarmente nei nostri test valori migliori, per il nuovo E25 ci si aspetterebbe un consumo energetico leggermente superiore. Al contrario, Linde promette un consumo energetico minore, giustificandolo con diversi miglioramenti del software di comando. Le nostre misurazioni hanno rivelato che il consumo del modello precedente corrisponde a quello del modello attuale, se consideriamo i fattori sopra citati. 01 La visibilità panoramica consentita dalle caratteristiche costruttive dei montanti rispetto al modello precedente è stata migliorata, aumentandola di 70 mm Tre modalità di funzionamento a scelta 02 Il nostro carrello elevatore di prova è dotato di un caricabatteria integrato e di una ventilazione della batteria Per quanto riguarda l’uso, il nostro apparecchio di prova rimane facile e comodo da usare come il suo predecessore del test del 2011. Grazie all’assale sterzante le caratteristiche di sterzata rimangono molto dirette. Se non si conosce questo sistema sterzante, alla prima deviazione di sterzata massima si viene certamente sorpresi dal raggio stretto, dopo poco tempo però ci si abitua allo sterzo che per il resto presenta reazioni assolutamente normali. Come nel 2011 proviamo la guida del carrello elevatore nei tre livelli di prestazione: Economy, Efficiency e Performance. Mentre il relativo livello di prestazione nel vecchio modello doveva ancora essere impostato dall’addetto al montaggio dell’assistenza clienti, nel modello attuale l’utente può eseguire l’impostazione personalmente, tramite il Linde Safety Pilot. Tra il modello vecchio e quello nuovo abbiamo rilevato in tutte e tre le modalità di esercizio piccole differenze per quanto riguarda l’equilibrio tra capacità di ripresa e velocità di marcia. Per di più il carrello elevatore di prova del 2011, rispetto al suo successore, si è rivelato nell’insieme addirittura più facile da prevedere per quanto riguarda le caratteristiche di guida. Confrontando le prestazioni misurate con i valori medi dei carrelli elevatori della stessa classe che abbiamo testato finora, l’E25 raggiunge valori decisamente accettabili. A produttività invariata, il consumo in modalità Efficiency risulta di circa il 18 percento sotto la media. Nella modalità Performance siamo riusciti a ottenere il cinque percento di movimenti di pallet in più che nella modalità Efficiency, il che però “costa” circa il 15 percento di energia in più. Nella modalità Economy la produttività rapportata alla modalità Efficiency è perlopiù identica, tuttavia si risparmia il sei percento di energia. Nella modalità Efficiency la batteria di 500 Ah installata è appena sufficiente per un impiego giornaliero del carrello elevatore non troppo intenso. Per il caso di un impiego più duro è quindi piuttosto consigliabile la scelta della variante di telaio più lunga e più alta del carrello elevatore, combinata con una batteria più potente. Per la ricarica della batteria il carrello elevatore di prova dispone di un caricabatterie integrato Durata di impiego pratica in ore:minuti (con grandezza batteria max. incl. rigenerazione) 09:54 11:18 12:00 08:04 03 Con l’ausilio di tasti funzione nel bracciolo, l’operatore può comandare il sistema di assistenza