Views
1 year ago

f+h intralogistica 2/2015 (IT)

  • Text
  • Sistema
  • Sistemi
  • Intralogistica
  • Essere
  • Produzione
  • Vengono
  • Magazzino
  • Logistica
  • Prodotti
  • Carrelli
f+h intralogistica 2/2015 (IT)

IMPRENDITORIA ELETTRONICA Soddisfazione totale con la soluzione logistica integrata Vanderlande Peter Bimmermann I rivenditori online di successo, come Amazon o Zalando, svelano che una operatività efficiente – oltre ad altri fattori – è alla base del loro successo. L’operatività efficiente non è concepibile senza un’adeguata intralogistica del centro di distribuzione. Che si tratti di “pure player” dell’e-commerce, o di gestori di negozi fisici che si avvalgono del modello di vendita multicanale, la logistica e l’IT devono realizzare in modo ottimale tutti i processi del rispettivo modello commerciale e dei rispettivi canali di vendita, per permettere ai clienti di vivere una “shopping experience” trasparente e senza eccezioni. Dipl.-Ing. Peter Bimmermann, Business Development Manager, Vanderlande Industries GmbH, Mönchengladbach/Germania Il commercio via Internet prospera e registra enormi tassi di crescita. Il mercato si sviluppa in modo dinamico e un numero sempre maggiore di aziende commerciali “classiche” estendono le loro attività a Internet. Tuttavia esistono anche strategie controcorrente. “Pure player” dell’e-commerce inaugurano negozi outlet per essere più vicini al cliente. In questo modo i fornitori rispondono al desiderio dei consumatori di vivere una “shopping experience”. A vincere saranno le aziende che raggiungeranno i clienti su tutti i canali di vendita, che riusciranno a intrecciare e integrare in modo ottimale i diversi canali di vendita, nonché a organizzare una logistica efficiente in grado di implementare tutti i processi richiesti. Ricerche hanno dimostrato che i clienti raggiunti da più canali di vendita, li utilizzano in modo sinergico ed effettuano un numero superiore di acquisti (per esempio rispetto a clienti che fanno shopping solo nei negozi fisici), generando così un fatturato più elevato. Decisivo è che la “shopping experience” venga vissuta senza eccezioni, in tutti i canali di vendita. Le cifre variano al variare dei Paesi e dei settori A seconda del settore e della regione geografica, il grado di maturità dell’e-commerce e della vendita omnicanale presenta un diverso livello di sviluppo. Le sei nazioni leader per l’e-commerce in Europa sono (da uno studio eseguito nel 2013): Gran Bretagna con 68 miliardi di euro, Germania (39,1 36 f+h Intralogistica

IMPRENDITORIA ELETTRONICA miliardi di euro), Francia (26 miliardi di euro), Russia (9,1 miliardi di euro), Spagna (8,8 miliardi di euro) e Italia (7,8 miliardi di euro). Lo studio è basato sul giro di affari generato esclusivamente da merci fisiche, al netto cioè del commercio online per prestazioni di servizi, biglietti, download di musica, streaming, viaggi, ebook, ecc. La distribuzione del fatturato basata sulle categorie merceologiche nei singoli Paesi è molto variabile. L’unico denominatore comune è la percentuale di fatturato, relativamente alto, prodotto dal settore abbigliamento e calzature, in rapporto all’intero volume di vendite online. A seconda del Paese, tale percentuale si attesta tra il 16 % (Russia) e il 38 % (Spagna). Francia e Spagna presentano rispettivamente la percentuale più alta nel settore alimentare (12 % la Francia e 16 % la Spagna). Oltre a quelle citate, non è riconoscibile nessun’altra tendenza di categoria merceologica che valga trasversalmente per tutti i Paesi. Secondo le previsioni dell’Istituto di ricerca di mercato (IFH) tedesco, un gestore di soli negozi fisici al dettaglio su 5 non resisterà fino all’anno 2020. Sempre secondo tali previsioni, il commercio online produrrà tra sei anni un quarto dei fatturati complessivi nel settore non alimentare. Ciò vuol dire che, chi in futuro vorrà ottenere successo nel settore commerciale, dovrebbe quanto prima impegnarsi a ottimizzare i suoi canali di vendita e a adattare di conseguenza i suoi processi logistici. Qual è il segreto del successo del commercio omnicanale? Per rispondere a questa domanda, è necessario prima di tutto chiarire quali funzionalità il consumatore si aspetta da un commercio omnicanale, e come ne fa uso. Le seguenti “funzionalità” omnicanale vengono richieste e usate con più frequenza dai clienti: n Indicazione della disponibilità delle merci online, n Ordini in negozio, n Reso in negozio, n “Click & Reserve” nonché, n “Click & Collect” e n Trova negozio. Ulteriori approcci sono combinazioni di showroom e - a seconda del prodotto - allestimenti per training e eventi, consegna e, se necessario, installazione e messa in servizio a domicilio. Tali offerte sono ormai un modello commerciale comprovato per apparecchiature tecniche, come per esempio Home Entertainment, elettrodomestici o anche mobili. Sfide di logistica per il commercio omnicanale Il passaggio da commercio mono o multicanale a commercio omnicanale porta con sé una serie di sfide: per esempio nell’IT, nell’organico e anche nella logistica. Sono molti i dettagli che necessitano di un altro tipo di organizzazione, in quanto ogni canale ha diverse esigenze di preparazione, imballaggio e spedizione. Consegna in negozio Consegna consolidata e imballata “a misura di negozio”. Generalmente la consegna in negozio avviene su pallet misti, mezzi pallet, carrelli portatili o cassoni. Essa può essere eseguita una volta o più volte a settimana oppure anche giornalmente. Consegna per il settore dell’ingrosso Pallet interi, eventualmente con imballo personalizzato. La consegna viene effettuata presso il magazzino o direttamente presso il negozio del rivenditore. Essa può aver luogo una volta a settimana o anche una volta al mese. Ordini e-commerce Molte spedizioni con rispettivamente poche righe d’ordine (esempio tipico sarebbe, a seconda del settore, una o due righe per ordine) che vengono spedite in singola confezione direttamente ai clienti. Le spedizioni vengono inoltrate più volte al giorno dal magazzino al relativo corriere, che assicura una consegna al cliente entro 24 o 48 ore, in base al livello di servizio concordato. Inoltre è necessario prevedere un processo per la merce resa. I resi hanno un ruolo rilevante per esempio nel settore moda, mentre in altri settori svolgono solo un ruolo secondario. Il tentativo di inoltrare spedizioni online da un centro di distribuzione già esistente, originariamente concepito per il rifornimento dei negozi, non conseguirà buoni risultati senza subire adattamenti sostanziali. Anche la spedizione dai negozi di merci ordinate online, a lungo termine, non si rivelerà né praticabile né redditizia se si avrà a che fare con un numero consistente di spedizioni, in quanto la merce deve passare per troppe mani e i gli addetti alla preparazione degli ordini comprometteranno la “shopping experience” dei clienti fisicamente presenti in negozio. Un sistema logistico funzionante è alla base del successo I gestori di negozi fisici che possiedono una distribuzione ottimizzata, nella fase di primo approccio al mondo multicanale, solitamente si affidano a fornitori di servizi esterni, incaricati dell’evasione ordini provenienti dal commercio online. Tali fornitori vengono riforniti come i negozi. In questo modo si minimizza il rischio e il passaggio avviene in breve tempo. Questa separazione Intralogistica come ruolo chiave nell’e-commerce dei processi per il commercio online e per i negozi fisici porta spesso a una doppia gestione in parallelo delle scorte e all’aumento dei costi indiretti. Ottimale sarebbe l’integrazione dei canali senza soluzione di continuità, considerando non solo il modello commerciale di per sé, ma anche un’operatività a copertura totale. A tale scopo è necessario integrare la logistica per tutti i canali di vendita e gestirla da sedi comuni, che consentano di uniformare la politica di gestione delle scorte. Case study su Tesco Tesco è la catena di negozi al dettaglio più grande della Gran Bretagna, ha più di 500.000 collaboratori, e soddisfa le esigenze di diversi milioni di clienti in dodici Paesi al mondo. Nei negozi Tesco vengono effettuati 75 milioni di acquisti ogni settimana. Inoltre Tesco è diventato in poco tempo un rivenditore multicanale che raggiunge e rifornisce sempre più i suoi clienti tramite i suoi negozi online. Il successo in crescita nel commercio online ha portato con sé la necessità di 01 Sistema di picking manuale f+h Intralogistica 37